Riunione dei coordinatori locali – Roma, Dip. Statistica, 13 aprile 2004

Presenti: F. Battaglia, G. Cubadda, G. Fiorentini, M. Maravalle, I. Poli, R. Baragona.

ordine del giorno:

  1. Inizio ufficiale della ricerca e disponibilita’ effettiva dei fondi
  2. Comunicazioni sulle attivita’ di ricerca – La pagina web
  3. Coordinamento delle attivita’ di ricerca all’interno del gruppo cofin2003 – Primo incontro a settembre 2004
  4. Il software della ricerca
  5. I convegni per presentare i risultati della ricerca

 

1.Inizio ufficiale della ricerca e disponibilita’ effettiva dei fondi

La data ufficiale di inizio della ricerca e’ il 20 novembre 2003, come comunicato dal MIUR. I fondi del Ministero non sono ancora arrivati a nessuna unita’ locale. Le somme invece dichiarate per il cofinanziamento sono gia’ disponibili per le unita’ che operano in universita’ che danno un contributo per i progetti cofinanziati. Poiche’ non tutto l’importo richiesto e’ stato assegnato dal MIUR, alcune universita’ riducono il contributo in proporzione. Questo non e’ un criterio uniforme, quindi ciascuna unita’ locale puo’ trovarsi a disporre dell’intero contributo oppure di una quota. In ogni caso, i dipartimenti prelevano un’ulteriore percentuale sui fondi comunque assegnati.

E’ bene sempre tenere monitorata la situazione capitolo per capitolo: il controllo sulle spese effettuate sulle quote destinate a ciascun capitolo viene infatti condotto specialmente negli ultimi tempi in modo molto puntuale. E’ importante quindi che la rimodulazione delle spese, necessaria perche’ non e’ stato concesso l’intero importo richiesto, vada fatta con il maggior realismo possibile. Un’avvertenza per il futuro e’ non lasciare nessuna voce di spesa a zero: se occorre spendere su una voce piu’ di quanto preventivato e’ infatti possibile un aumento proporzionale, non attuabile tuttavia se l’importo previsto inizialmente e’ zero. Un’ulteriore avvertenza riguarda la distribuzione delle spese nel tempo: i soldi vanno spesi, ma occorre evitare di spostare tutte le spese alla fine della ricerca: ad esempio, e’ poco credibile che si acquisti per un progetto di ricerca un computer quando il progetto stesso e’ prossimo alla conclusione.

 

2.Comunicazioni sulle attivita’ di ricerca – La pagina web

La circolazione delle notizie sull’attivita’ di ricerca va impostata in modo diverso se e’ interna al gruppo oppure si rivolge all’esterno. Nel primo caso, e’ importante che si sappia, anche in modo informale, quel che facciamo e quali siano le ricerche in corso. Nel secondo caso, le notizie riguardano eventi strutturati, ad esempio seminari locali, e il primo soggetto cui fare riferimento e’ il gruppo di lavoro della SIS per le serie storiche (ANSET) nel quale confluiscono, come sembra dalle adesioni, i ricercatori che operano in progetti cofinanziati del medesimo ambito disciplinare. La pagina web dovrebbe essere la base per la circolazione in generale delle notizie all’interno e all’esterno, mentre per quel che e’ piu’ strettamente interno al gruppo e’ opportuno affidarsi piuttosto alla mail list, mentre sembra da scartare la pagina web riservata a causa delle complicazioni che comporta e delle risorse che la sua manutenzione sottrarrebbe alla pagina web rivolta a tutti. Le mail list da predisporre sono due: una limitata ai coordinatori, una seconda mail list comprendente tutti i partecipanti. I coordinatori sono invitati a inviare gli indirizzi di posta elettronica di tutti i partecipanti al progetto, in quanto non tutti risultano disponibili. La pagina web ser.sta.uniroma1.it e’ al momento mantenuta dallo stesso coordinatore nazionale. In futuro, se la complessita’ della pagina dovesse aumentare sensibilmente, si affidera’ la manutenzione della pagina web a qualcuno specificamente, ad esempio un collaboratore esterno. Esiste un’unica pagina web che integra tutte le informazioni sui tre progetti cofinanziati 1998, 2000 e 2003 che fanno capo al gruppo. Per il cofin1998 sulla pagina sono presenti i rapporti tecnici (scaricabili) e le pubblicazioni (riferimenti). Nel cofin1998 venne inoltre realizzata una serie di rapporti tecnici. Per il cofin2000 non sono stati predisposti rapporti tecnici, e tutto quanto concerne i risultati della ricerca e’ sulla pagina web, sotto forma di un elenco di titoli di lavori, alcuni scaricabili altri con link o riferimenti. Per l’attuale cofin2003 si ritiene di pubblicare sulla pagina web tutti i lavori riferiti, anche non in modo esplicito, al progetto. E’ comunque opportuno sempre citare nei ringraziamenti i fondi di ricerca MIUR del progetto cofinanziato: Metodi e modelli statistici per la previsione di serie temporali non stazionarie e non lineari. Aspetti teorici e applicazioni (Statistical methods and models for non-stationary and non-linear time series forecasting, theory and applications). I lavori saranno pubblicati sulla pagina web in tre modalita’ alternative: (a) solo il titolo, (b) il file in linea, (c) il titolo e il link. Nella pagina web, infine, sembra essenziale che sia presente un link al gruppo ANSET.

 

3.Coordinamento delle attivita’ di ricerca all’interno del gruppo cofin2003 – Primo incontro a settembre 2004

Il fatto che il MIUR finanzi ricerche nazionali implica che ci si aspetta delle sinergie dall’attivita’ congiunta delle unita’ locali. Si pone il problema di come gestire le collaborazioni tra unita’ locali e fare in modo che esistano realmente momenti di collaborazione. Il modello A del progetto cofin2003 contiene una sezione che sintetizza i temi sui quali si puo’ trovare collaborazione. Si possono individuare, a grandi linee, alcuni settori metodologici:

Anche solo tre joint papers tra componenti di unita’ diverse e’ un obiettivo che vale la pena di porsi. Un ulteriore stimolo alla collaborazione puo’ forse provenire da riunioni, workshop e seminari interni al gruppo. In questo caso pero’ e’ essenziale che in questi incontri l’esposizione degli sviluppi piu’ recenti cui si dedica ciascun componente sia preceduto da una esposizione sull’idea di base o sui fondamenti dell’approccio utilizzato. Per assicurare un aggiornamento costante, i coordinatori locali possono comunque assumersi il compito di illustrare le attivita’ di ricerca di singoli partecipanti per qualche motivo impossibilitati a intervenire di persona. Il primo incontro viene fissato per settembre, sedi candidate L’Aquila, Campobasso e Venezia, con qualche motivo di preferenza per quest’ultima data la possibilita’ di utilizzare una struttura particolarmente adatta quale sembra l’isola di San Servolo, che ospita l’aula, gli alloggi e i servizi di ristorazione. Si precisa che l’incontro e’ da intendersi interno ma allargato ai ricercatori che hanno collaborato in passato con il gruppo in cofinanziamenti comuni o che costituivano unita’ locali nel progetto del 2002 non cofinanziato (Universita’ di Brescia, di Napoli e di Salerno). Si individuano indicativamente i seguenti possibili argomenti:

 Reti neurali e filtri wavelet

 Indicatori sintetici e modelli dinamici

 Modelli non lineari

 …………

Per le date, l’accordo di massima e’ giovedi’ 9 settembre, il pomeriggio dalle 15:30, e venerdi’ 10 settembre, intera giornata. Le sessioni si possono articolare: giovedi’ 15:30 – 17:00 e 17:30 – 19:00; venerdi’ 9:00 – 10:30, 11:00 – 12:30 e 14:00 – 15:30, con pausa pranzo 12:30 – 13:30. In tal modo si possono distribuire cinque aree tematiche in due giorni. Per ogni tema, due o tre persone intervengono con una breve introduzione iniziale che metta in grado l’intero uditorio di seguire quindi l’esposizione delle linee di ricerca e degli eventuali risultati.

 

4.Il software della ricerca

Un software che implementi la metodologia sviluppata nell’ambito del progetto costituisce un aspetto che qualifica la ricerca ed ha rilevanza applicativa che puo’ andare al di fuori dell’ambito del gruppo. E’ senz’altro auspicabile che i partecipanti mettano a disposizione le loro routine di calcolo ma come obiettivo c’e’ la programmazione su una piattaforma comune. Ad esempio, si puo’ decidere di usare il programma R, di dominio pubblico, che, in quanto tale, puo’ essere utilizzato da tutti. L’obiettivo deve essere la realizzazione di un programma suscettibile di essere usato dalla comunita’ scientifica. Piu’ complicato e’ il discorso della realizzazione di programmi applicativi indirizzati ad un’utenza piu’ vasta. Puo’ accadere che il programma di calcolo venga realizzato nel giro di un mese, mentre la parte di input – output, la stesura del manuale e altre attivita’ di sviluppo richiedano tempo, costi e impegno di gran lunga maggiori.

 

5.I convegni per presentare i risultati della ricerca

I convegni intermedi e finali delle ricerche nazionali in serie storiche potrebbero essere integrati, o satelliti, con i convegni del gruppo Sis sulle serie temporali Anset. Pertanto si puo' prevedeere un convegno intermedio della nostra ricerca almeno a meta' 2005, presumibilmente collegato con la prima riunione scientifica del gruppo Anset. L’orientamento comune e’ di aprire i convegni a tutti gli interventi.